Amministratori

Annullato l’affidamento di incarico professionale per difetto di motivazione

Se persino “gli atti di alta amministrazione a valenza fiduciaria” non possono essere ritenuti avulsi dal rispetto dell’obbligo di una motivazione, congruente con la natura degli atti medesimi, e se non residua, quindi, più alcuno spazio per i provvedimenti amministrativi, cd. a motivo libero (id est, espressione di discrezionalità assoluta), ne consegue che ogni qual volta, come nella specie, si tratti d’effettuare una scelta tra più candidati, ognuno dei quali dotato di specifiche competenze ed attitudini a ricoprire l’incarico, cui aspira (come emergenti dai rispettivi curricula) – incarico, si ripete, compreso nell’ambito delle ordinarie attribuzioni dell’ente locale, sia pur di natura settoriale – non può prescindersi, a maggior ragione, da una motivazione, di tipo analitico – comparativo, tendente all’emersione delle ragioni della scelta di uno soltanto dei candidati in questione, e dalla quale, in particolare, s’evincano le ragioni per le quali lo stesso sia considerato il più adatto a rivestire la medesima carica.

E’ quanto afferma il TAR Campania (sezione di Salerno 406/2019 – link in fondo alla pagina) riguardo a una ricorso nei confronti dell’affidamento di un incarico il cui provvedimento non conteneva alcuna motivazione, nonostante fosse conseguente a un avviso pubblico a cui avevano risposto diversi candidati. Al riguardo l’Amministrazione, guidata da una Commissione straordinaria, si giustificava affermando che “non era stata indetta alcuna procedura concorsuale, para concorsuale, gara di appalto o trattativa privata e di conseguenza non sarebbe stata stilata alcuna graduatoria, né attribuiti punteggi o classificazioni di merito e che il richiesto curriculum vitae aveva il solo scopo di manifestare la disponibilità all’assunzione della nomina, il possesso delle condizioni richieste e la conoscibilità dei soggetti disponibili ad assumere l’incarico”.

Il tribunale ritiene il ricorso “chiaramente fondato”

testo della decisione 

261 Visite totali, nessuna visita odierna

More from Amministratori

Corte dei Conti. I debiti fuori bilancio non sono rateizzabili e debbono essere iscritti nel bilancio dell’anno in cui vengono riconosciuti

E’ la conclusione a cui giungono le sezioni riunite della Corte dei Conti (in fondo alla pagina) con riferimento al Comune di Napoli, di cui si sono occupate le cronache in questi giorni. In particolare, i magistrati contabili affermano che … Per saperne di più

4,231 Visite totali, 3 visite odierne

TAR Lazio. Le ordinanze del Sindaco debbono avere proporzionata giustificazione

  (Valeria Rita Aversano) “L’adozione da parte del Sindaco di ordinanze contingibili e urgenti deve trovare motivata e proporzionata giustificazione rispetto alla situazione che si intende fronteggiare da un lato, nell’impossibilità di differire l’intervento ad altra data, in relazione alla … Per saperne di più

926 Visite totali, 2 visite odierne