Anticorruzione

CDS: quando è legittimo l’accesso a un procedimento disciplinare

(SF) La circostanza di aver avanzato un esposto che ha dato luogo a un procedimento disciplinare legittima all’accesso nel confronti degli atti di tale procedimento disciplinare. Al riguardo, inoltre, è da ritenere inconferente l’estraneità dell’autore dell’esposto al procedimento disciplinare e la sua conseguente qualità di terzo rispetto al medesimo.

E’ quanto afferma il Consiglio di Stato (sentenza in fondo alla pagina)asserendo che la natura riservata del procedimento disciplinare non osta al diritto del ricorrente di prendere visione dei relativi documenti, atteso che le esigenze ostative sono state espressamente giustificate dall’esigenza di promuovere un’eventuale azione giudiziaria nei confronti dell’avvocato oggetto dell’esposto. Inoltre,  non osta all’accesso la non definitività delle sanzioni disciplinari eventualmente irrogate, dato che il diritto di accesso deve essere garantito una volta concluso ogni singolo sub-procedimento.

Peraltro, a giudizio dei giudici di Palazzo Spada, nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, l’accesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile e nei termini previsti dall’articolo 60 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale” (vale a dire, l’accesso è consentito se la situazione giuridicamente rilevante che si intende tutelare con la richiesta di accesso è di rango almeno pari ai diritti dell’interessato, ovvero consiste in un diritto della personalità o in un altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile).

testo della sentenza

 

 

720 Visite totali, 1 visite odierne

More from Anticorruzione

L’ANAC sospende l’obbligo di pubblicare redditi e patrimonio a carico dei dirigenti

(sf) Con la deliberazione n. 382 del12 aprile  l’ANAC, ha deciso di sospendere l’efficacia della delibera n. 241/2017 “Linee guida recanti indicazioni sull’attuazione dell’art. 14 del d. lgs. 33/2013 «Obblighi di pubblicazione concernenti i titolari di incarichi politici, di amministrazione, … Per saperne di più

3,520 Visite totali, 1 visite odierne

Nessun limite all’accesso agli atti delle società partecipate da parte dei consiglieri

(Amedeo Di Filippo) Con la sentenza n. 656 del 17 marzo, il Tar Lombardia ha risolutivamente chiarito l’ambito di azione riconosciuto ai consiglieri nell’accesso agli atti delle società partecipate, smantellando le resistenze più volte manifestate soprattutto dagli amministratori delle società … Per saperne di più

845 Visite totali, 2 visite odierne

I dirigenti del Garante della privacy ottengono dal TAR la sospensione dell’efficacia dell’art. 14 del dlgs 33

(sf) Alcuni dirigenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali hanno proposto ricorso al TAR per chiedere l’annullamento, previsto sospensione dell’efficacia, della nota del loro Segretario generale, nonché dell’art. 14, comma 1-bis, d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, nella parte in … Per saperne di più

371 Visite totali, nessuna visita odierna