Edilizia e territorio

Il Comune deve risarcire, in sede civile, l’acquirente di un immobile abusivo

Un privato chiede la condanna al risarcimento dei danni ex art. 2043 c.c. del Comune al quale ha addebitato di aver omesso la dovuta vigilanza circa il rispetto delle prescrizioni urbanistiche nella realizzazione di un fabbricato. L’attore ha esposto, in particolare, di aver acquistato un appartamento facente parte di un fabbricato, facendo affidamento sia sulla conformità a legge ed alla vigente disciplina urbanistica dei relativi titoli abilitativi -permesso di costruire e licenza di abitabilità- emessi dal convenuto, sia sulla conformità del bene ai medesimi titoli, ma di aver scoperto, in seguito, che l’immobile era affetto da svariate irregolarità edilizie ed urbanistiche, tanto gravi da renderlo parzialmente abusivo, inidoneo all’uso ed incommerciabile.

Nel contraddittorio del Comune e della Società chiamata in giudizio, il GI dell’adito Tribunale  ha rinviato la causa per la precisazione delle conclusioni, avendo ritenuto la controversia devoluta in tesi alla giurisdizione esclusiva del Giudice Amministrativo, in quanto connessa con l’attività provvedimentale della p.A.

L’attore, invece, ha proposto regolamento preventivo di giurisdizione, chiedendo dichiararsi la giurisdizione del Giudice Ordinario.  Il Procuratore Generale ha concluso per la declaratoria della giurisdizione del giudice ordinario.

Ciò che viene in rilievo nella controversia non è la legittimità dei titoli abilitativi relativi, ma  l’apprezzamento del comportamento tenuto dalla p.A. non come espressione dell’esercizio di un potere, bensì nella sua oggettività a determinare il legittimo affidamento del privato, e così a cagionargli un danno, nella specie rappresentato dal ricorrente in svariate irregolarità edilizie ed urbanistiche dell’immobile acquistato.

Conseguentemente viene affermata la giurisdizione del giudice ordinario

Corte di Cassazione 4889/2019

220 Visite totali, 1 visite odierne

More from Edilizia e territorio

TAR. Il proprietario è sempre obbligato alla rimozione dei rifiuti abbandonati nel suo terreno?

Un’Amministrazione comunale, con una ordinanza sindacale ingiunge la rimozione di materiali ingombranti rinvenuti su un terreno in proprietà, una volta constatata la permanente presenza di “accumuli di rifiuti, classificabili a vista non pericolosi e comunemente gestibili (es. pneumatici fuori uso, … Per saperne di più

664 Visite totali, 1 visite odierne

TAR. Non può negarsi l’accesso agli atti per la mera opposizione del controinteressato

(sf) Un cittadino, in qualità di proprietario confinante, ha chiesto al comune che gli venisse consentito l’accesso alla documentazione relativa al progetto di demolizione e ricostruzione di un fabbricato, alla successiva S.C.I.A. e relativo progetto di variante in corso d’opera, al … Per saperne di più

1,101 Visite totali, 1 visite odierne

TAR. decorsi i termini per il silenzio assenso è illegittimo il diniego. Possibile solo la revoca in autotutela

Con la sentenza n.135/2018 il TAR, sez. Catanzaro, dichiara illegittimo il provvedimento di diniego emesso dal Comune dopo la formazione del silenzio-assenso sulla richiesta del permesso di costruire. Il tribunale ribadisce, infatti che al procedimento di rilascio del permesso di … Per saperne di più

1,277 Visite totali, nessuna visita odierna

TAR Sardegna: non serve il permesso di costruire per opere stagionali su concessioni demaniali

(sf) Una società, titolare di una concessione demaniale, nell’esercizio delle facoltà di utilizzo e sfruttamento della stessa concessione, presenta al Comune una DUAP per lo svolgimento di un’attività produttiva commerciale di vendita al dettaglio nel settore non alimentare in alcuni chioschi, … Per saperne di più

1,082 Visite totali, nessuna visita odierna