I dirigenti del Garante della privacy ottengono dal TAR la sospensione dell’efficacia dell’art. 14 del dlgs 33

(sf) Alcuni dirigenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali hanno proposto ricorso al TAR per chiedere l’annullamento, previsto sospensione dell’efficacia, della nota del loro Segretario generale, nonché dell’art. 14, comma 1-bis, d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, nella parte in cui prevede che le pubbliche amministrazioni pubblichino i dati di cui all’art. 14 comma 1, lett. c) ed f) del medesimo decreto legislativo anche per i titolari di incarichi dirigenziali.

Il Tribunale amministrativo ha ritenuto che sussistono i presupposti per la concessione della richiesta cautelare, in particolare, “- rilevata la consistenza delle questioni di costituzionalità e di compatibilità con le norme di diritto comunitario sollevate in ricorso;

– valutata l’irreparabilità del danno paventato dai ricorrenti, discendente dalla pubblicazione online, anche temporanea, dei dati per cui è causa, da cui l’esigenza di salvaguardare la res adhuc integra nelle more della decisione del merito della controversia;

Ritenuta la sussistenza di giusti motivi, stante la novità e la particolarità della questione, per disporre la compensazione tra le parti delle spese di lite della presente fase”.

link all’ordinanza

 1,140 total views,  1 views today

0Shares

Lascia un commento